Festa al San Paolo, bordate di fischi per l’ “inno” della lega nord

1595

Nonostante una prevendita fiacca il San Paolo s’è via via andato riempiendo ieri grazie anche all’iniziativa dei biglietti omaggio dell’ ultimo minuto, le file chilometriche per ritirare i tagliandi nel pomeriggio hanno portato a partecipare alla festa circa 20.000 tifosi e festa è stata tra gli spettacolari fuochi pirotecnici e con il Napoli che batte senza difficoltà un debole Nizza per il risultato tondo di 3 a 0 con doppietta di Koulibaly e un gran gol di Mertens.

Emozioni di 90 anni di gioia e dolore sono state rivissute nelle immagini dei maxischermi  terminate con un messaggio di  Maradona da Dubai: “La gente di Napoli ha bisogno di sostegno, state tranquilli, io vi sostengo, io non vi tradisco, ormai è fatta, quindi pensiamo a fare una bella squadra per la gente e Higuain che faccia il meglio per sé. Ormai è finita con lui, ma con me non lo sarà mai. Un bacio grande al presidente ed a tutti i napoletani”. Ogni parola del Pibe de oro fa letteralmente impazzire il pubblico che salta al ritmo di “o mamma mamma mamma”. Standing ovation anche per Marek Hamsik che ha scelto il Napoli come ragione di vita e per il neo acquisto Milik che anche se non ha partecipato al match ha eseguito un giro di campo raccogliendo applausi scroscianti da tutto lo stadio. Bordate di fischi accolgono invece le immagini di Higuain e della sua rovesciata, che appena due mesi fa aveva mandato in delirio il popolo napoletano, e per l’ esecuzione del “Va pensiero”, canto che, travisandone in modo clamoroso l’ interpretazione, è stato impropriamente adottato dalla Lega Nord come suo inno.